Thursday, June 12, 2008

Camino Neocatecumenal: aprobados estatutos


Felicitaciones a los miembros del Camino Neocatecumenal, según informa la edición cotidina de L'Osservatore Romano, Jun-13-2008, la aprobación definitiva de los estatutos es un hecho.

La nota original en italiano a continuación.



Da parte del Pontificio Consiglio per i Laici


Approvato lo statuto
dei neocatecumenali


Roma, 12. Il decreto di approvazione definitiva dello statuto del cammino neocatecumenale viene consegnato ai responsabili del movimento venerdì mattina, 13 giugno, nella sede del Pontificio Consiglio per i Laici.

"L'approvazione definitiva dello statuto - si legge in un comunicato diffuso alla vigilia dal Pontificio consiglio - costituisce, senz'altro, un'importante tappa nella vita di questa realtà ecclesiale, sorta in Spagna nel 1964. Questo atto ha richiesto varie consultazioni a diversi livelli. Durante il periodo di approvazione ad experimentum dello statuto, il Pontificio consiglio ha avuto modo di constatare i numerosi frutti che il cammino neocatecumenale apporta alla Chiesa in vista della nuova evangelizzazione, mediante una prassi catechetico-liturgica accolta e valorizzata nei suoi ormai quarant'anni di vita. Pertanto in seguito a un'attenta revisione del testo statutario e all'inserimento di alcune modifiche che si sono ritenute necessarie, il Pontificio Consiglio per i Laici è giunto a concedere l'approvazione definitiva dello statuto".

Nell'udienza accordata ai membri del cammino neocatecumenale il 12 gennaio 2006, il Papa ebbe a dire: "La vostra azione apostolica intende collocarsi nel cuore della Chiesa, in totale sintonia con le sue direttive e in comunione con le Chiese particolari in cui andrete ad operare, valorizzando appieno la ricchezza dei carismi che il Signore ha suscitato attraverso gli iniziatori del Cammino".

Più recentemente, il 17 maggio scorso, in occasione di un seminario di studio per vescovi, organizzato dal Pontificio Consiglio per i Laici, il Papa ha affermato che: "I movimenti ecclesiali e le nuove comunità sono una delle novità più importanti suscitate dallo Spirito Santo nella Chiesa per l'attuazione del Concilio Vaticano ii", e volle ricordare come i servi di Dio Paolo vi e Giovanni Paolo ii "seppero accogliere e discernere, incoraggiare e promuovere l'imprevista irruzione delle nuove realtà laicali che, in forme varie e sorprendenti, ridonavano vitalità, fede e speranza tutta la Chiesa".

In questa prospettiva, "è da auspicare - conclude il comunicato del Pontificio Consiglio per i Laici - che lo statuto del cammino neocatecumenale, approvato adesso in forma definitiva, possa essere un valido strumento al servizio di questa realtà ecclesiale, affinché essa continui a contribuire al bene di tutta la Chiesa".

(©L'Osservatore Romano - 13 giugno 2008)